Ogni volta che sono triste mi masturbo

Ogni volta che sono triste mi masturbo - pink fingersDomanda

Salve, vorrei sapere come mai ogni volta che sono triste mi masturbo. È “normale”?

Risposta

Gentile lettrice, grazie per aver deciso di condividere il suo dubbio.

Le scrivo due risposte, una breve e una più prolissa.

Risposta breve

Masturbarsi quando si è tristi è un comportamento normale. Molte persone usano la masturbazione per darsi piacere come altre usano il cibo o altre attività.

La masturbazione è un modo di darsi piacere salutare e privo di controindicazioni generali.

Risposta più approfondita

Meglio non parlare di normalità

La domanda, per quanto semplice, apre a molti argomenti. Primo tra tutti, il concetto di normalità può essere visto da più punti di vista.

Generalmente distinguiamo 3 forme di normalità: statistica, morale e regolare. Può essere considerato normale quello che statisticamente si presenta più spesso. Altri considerano normale quello che giudicano giusto o sbagliato secondo un criterio scelto a tavolino. In certi casi si definisce normale non tanto quello che si fa più spesso, ma quello accade abitualmente perché, quando qualcosa si ripete, dopo un po’ non ci si fa più caso.

Nel sesso è difficile stabilire cosa è statisticamente normale perché si sa relativamente poco di quello che fanno gli altri. La morale, a seconda di quale si sceglie, può dire tutto e il contrario di tutto. Infine qualunque cosa ripetuta può diventare regolare e, di conseguenza, normale anche se sottende delle controindicazioni.

Suggerisco quindi di non porre il discorso su un piano di normalità o anormalità. Piuttosto proviamo a esplorarne il significato, la consapevolezza e le possibili controindicazioni, così da capire come potersi gestire come preferisce.

Tristezza e masturbazione

Quando un comportamento sessuale è associato a un’emozione, le possibili spiegazioni sono numerose. Quindi non posso dire il motivo specifico per cui lei associa tristezza e masturbazione, lei è l’unica a sapere quali pensieri collegano la sua tristezza al suo desiderio di masturbarsi, ma posso suggerirle una spiegazione di carattere generale che forse si adatta al suo caso o la aiuta a rifletterci su.

Parto dal presupposto che mi stia chiedendo perché quando prova tristezza sceglie spesso di masturbarsi e non, al contrario, se sia normale che masturbarsi possa innescare tristezza. Sarebbe un’altra domanda interessante, ma finirei fuori tema.

La tristezza è un’emozione naturale e transitoria, ma a volte la viviamo in modo doloroso o persistente rendendo necessario trovare un modo per gestirla. Nella sua esperienza, quando decide di masturbarsi la tristezza è presente e contribuisce alla sua decisione. Quindi è possibile che lei usi la masturbazione come strategia per gestire la tristezza.

Masturbarsi allevia la tristezza

Le emozioni sono eventi naturali attivati dai pensieri. Quando si accendono, le emozioni producono conseguenze sul corpo e sulla mente. Il modo più efficace per gestire le emozioni è dialogare con i pensieri che le innescano, ma non è l’unico. Le emozioni possono essere alleviate agendo anche sulle loro conseguenze. Quindi, manipolare il proprio corpo può essere un modo efficace per alleviare uno stato emotivo.

Masturbarsi allevia la tristezza in diversi modi.

La masturbazione attiva il ciclo di risposta sessuale e i suoi effetti sul corpo. Tra questi, alcuni accompagnano e intensificano gli effetti muscolari della tristezza, mentre altri, come l’orgasmo, svegliano il corpo dal torpore della tristezza. Per alcune persone l’orgasmo aiuta ad alleviare le sensazioni fisiche della tristezza. Altri, invece, trovano maggiore sollievo dal rilassamento muscolare prodotto dal periodo refrattario.

Lavorare sulle conseguenze delle emozioni è un approccio confusionario che le sconsiglio di usare come approccio principale. Infatti ad alcuni fa bene una cosa, ad altri l’opposto, ad altri ancora le stesse soluzioni possono risultare dannose. Se è vero che molte persone trovano uno sfogo della tristezza nella masturbazione, per altre la masturbazione intensifica la tristezza. Questo tende ad accadere nei casi in cui esiste un modo doloroso di vivere le sensazioni fisiche intense o per le persone che leggono la masturbazione come una seconda scelta rispetto alla sessualità di coppia.

Essere consapevoli delle proprie scelte

La masturbazione può avere numerosi effetti sulle emozioni che diventano piacevoli o sgradevoli a seconda delle inclinazioni personali e dell’approccio utilizzato. Non esiste un approccio migliore di un altro, ma è importante essere consapevoli delle proprie scelte. Le suggerisco che la cosa importante non sia se masturbarsi o meno quando è triste, ma piuttosto che lei si senta libera di scegliere se farlo e che lei abbia anche altre strategie per ascoltare e gestire la propria tristezza.

Come detto precedentemente, il modo più efficace di gestire un’emozione è dialogare con i pensieri che la precedono. Quindi una possibilità potrebbe essere quella di imparare a gestire la propria tristezza e poi, quando si sente meno triste, scegliere liberamente se godersi un momento di sessualità quando vuole e come vuole.

Provi a porre maggiore attenzione ai pensieri che la rattristano e a trovare altre strategie per alleviare l’emozione. Gestire l’emozione imparando a dialogare con se stessa è più comodo della masturbazione per molte ragioni tra cui, non per ultime, per questioni pratiche. Se ci si sente tristi quando si è a scuola o a lavoro, la masturbazione potrebbe non essere una soluzione adeguata.

Infine svincolare la masturbazione dal peso di dover gestire un’emozione la alleggerirà di un peso non necessario. Il benessere sessuale è favorito da una sessualità piacevole e varia, e avere delle strategie con scopi emotivi come quello di alleviare la tristezza rischiano di danneggiare il benessere sessuale.

Spero di esserle stato di aiuto, non esiti a scrivermi per ulteriori dubbi.

Cordiali saluti.

Dr. Valerio Celletti

studio di psicoterapia e sessuologia

Rimani aggiornato seguendo i social media

Facebook
Facebook
Instagram
Google+
Google+
https://benesseresessuale.com/12-ogni-volta-che-sono-triste-mi-masturbo">
LinkedIn

Contatta il sessuologo